DOMENICA DI PENTECOSTE ANNO B

Quando verrà lui, lo Spirito della verità,
vi guiderà a tutta la verità.

541488_577099022322541_573449898_n

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Giovanni. (Gv 15,26-27;16,12-15)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.
Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà». Parola del Signore.

Sequenza
Vieni, Santo Spirito,
manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.

Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.

Consolatore perfetto,
ospite dolce dell’anima,
dolcissimo sollievo.

Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.

O luce beatissima,
invadi nell’intimo
il cuore dei tuoi fedeli.

Senza la tua forza,
nulla è nell’uomo,
nulla senza colpa.

Lava ciò che è sórdido,
bagna ciò che è árido,
sana ciò che sánguina.

Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò che è sviato.

Dona ai tuoi fedeli,
che solo in te confidano
i tuoi santi doni.

Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna.

RIFLESSIONI

«Se viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito» (Gl 5,25). Il nostro vivere è un camminare. Non c’è camminare senza prendere iniziativa. Prendere iniziativa è lo stesso che dire: «voglio essere libero di scegliere cosa fare e verso dove andare». La festa della Pentecoste è la festa della libertà. Ma quale libertà?
Il nostro vivere quotidiano è determinato dalla due tipi di azioni: attività o passività.
Per vivere la festa della Pentecoste come festa della libertà siamo chiamati a privilegiare la passività sull’attività.
Il nostro vivere quotidiano è una relazione continua del nostro corpo vivente, cosciente e incosciente, con le cose e le persone che ci circondano, con il mondo della nostra vita.
Se privilegiamo l’attività, il nostro sguardo verso le persone e cose, con cui veniamo a con-tatto ogni giorno, rischia di essere consumato e usato per soddisfare «le nostre passioni e desideri», perché in gioco ci sono la difesa del nostro io, («la carne»), e la vittoria della nostra sopravvivenza in questo mondo, di fronte alle invadenze degli altri e alle sfide dei nostri obiettivi, piccoli e grandi, da conquistare e dominare. Così viviamo di attivismo, condizionati fortemente dalla nostra società che esalta la nostra autonomia incondizionata e ci costringe a correre da mattina a sera senza mai fermarci, prendendo e dominando cose, selezionando e classificando gli altri conforme il nostro esclusivo punto di vista. E quando le situazioni di separazione e sofferenza ci vengono addosso come problemi difficili da gestire, ci sentiamo oppressi, soffocati, impotenti, ribellati contro Dio e il mondo. Quante volte abbiamo la sensazione di non farcela da soli, pur avendo dato fiducia esclusivamente alla nostra capacità di prendere iniziativa.
Ma se privilegiamo la passività, il nostro sguardo verso le stesse persone e cose, con cui veniamo a con-tatto ogni giorno, diventa uno sguardo di accoglienza, uno sguardo soprattutto di ascolto e meno di tatto. Dall’ascolto della realtà, i nostri occhi si aprono ad uno sguardo nuovo perché ogni cosa, ogni persona si possono rivelare senza essere aggredite dal nostro giudizio selettivo e discriminante. L’azione più bella della passività è la preghiera fatta nel silenzio, nell’ascolto della parola di Dio, nell’attesa che la vita, la nostra storia ci parli.
Non dimentichiamo che l’evento di Pentecoste, raccontato nel libro degli Atti degli Apostoli, avvenne in un contesto di preghiera, di ascolto, di passività di Maria e dei discepoli di Gesù.
Incredibilmente si potrebbe dire che, nella passività dell’ascolto e dell’accoglienza, tutte le cose e le persone, tutte le situazioni, belle e brutte, sostenibili e insostenibili, possono rivelare la bellezza del tutto è dono.
Tutto è misteriosamente Cristificato, se crediamo nella risurrezione del Figlio di Dio. La Trinità Santa, in Cristo, è segnata per sempre dalla storia dell’umanità, nel bene e nel male.
Nel male delle situazioni assurde di ingiustizia, di morte, separazione, perdita e lutto provocate dall’egoismo umano e dalla fragilità della nostra condizione fisica, c’è la presenza dello Spirito Santo in passività, in attesa pazientissima di essere scoperto dall’uomo chiuso in se stesso, o inconsolato per non accettare il limite radicale della sua condizione umana, perché Dio rispetta profondamente la nostra libertà.
Nel bene delle situazioni c’è la presenza dello Spirito Santo in attività, che agisce con tutta la sua forza di liberazione e di vita eterna. Questa presenza misteriosa di Cristo in tutte le cose e persone è lo Spirito Santo vento e fuoco.
Il forte vento scombussola, mette tutto in disordine. Nella passività della preghiera di silenzio e ascolto, possiamo contemplare la presenza di Cristo anche nelle situazioni di crisi che attraversiamo nella vita, in quelle situazioni che scombussolano la vita, c’è il vento forte dello Spirito di Cristo. Anche una crisi profonda della vita può diventare rivelatrice di un senso, che magari non riusciamo a comprendere fino in fondo mentre siamo nella tempesta, mentre il vento soffia forte e mette tutto in disordine, ma possiamo sentire una presenza, senza comprenderla, senza dominarla, come il vento che soffia dove vuole ed è imprendibile, ma c’è!.
Il fuoco riscalda, illumina, consola, nella fase di serenità della vita, ma al tempo stesso brucia, purifica, nell’ora della prova, ma in ogni situazione c’è, perché il Cristo risorto è sempre con noi, in ogni fase del nostro esistere, nel dolore e nella gioia, nell’unità e nel conflitto, nel bene e nel male. È il signore della vita e della morte.
Nella passività dell’ascolto e dell’accoglienza scopriamo allora che non esiste solo la nostra libertà, non esiste solo ed esclusivamente il nostro prendere iniziativa, non c’è solo la nostra autonomia incondizionata. Esiste anche il prendere iniziativa di Dio Padre, per mezzo del Figlio, presente nel mondo come Spirito Santo, Spirito di Amore.
Tra le due iniziative, quella umana e quella divina, tra le due libertà in azione, (nel silenzio della preghiera e nell’ascolto della parola di Dio) ci rendiamo conto che prevale sempre quella divina perché ci ha preceduto e ci precede sempre: siamo già amati e salvati, così come siamo, qui ed ora, nella nostra condizione di fragilità e di peccatori. È già stata fatta la scelta di Dio Padre, per mezzo del Figlio Gesù Cristo, morto e risuscitato, di venire incontro alla nostra fragilità umana di egoismo e di limite, per la nostra salvezza e la nostra liberazione, con il dono dello Spirito Santo, già presente in ciascuno di noi.
Senza la scoperta di questa presenza divina in noi, che attende in passiva pazienza, tendiamo a far prevalere l’attivismo. Quando siamo presi dall’attivismo frenetico delle nostre azioni, senza soste di silenzio e contemplazione, siamo esposti al grande rischio di diventare potenziali promotori di fornicazione, impurità, libertinaggio, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere» (Gl 5,19-21).
Che libertà è questa, se ci può schiavizzare e schiavizza gli altri?
Che libertà è questa se usiamo e gettiamo le cose della creazione, che non ci appartengono, senza rispetto?
Nella passività dell’ascolto e dell’accoglienza, nel prenderci cura della preghiera del silenzio, scopriamo allora che la festa della vera libertà consiste nella scelta libera di ciascuno di noi di far coincidere il più possibile il nostro prendere iniziativa con l’iniziativa divina, che attende di essere accolta.
Il solo passo di lasciarci consegnare allo Spirito Santo, di lasciare che riempia i vuoti dei nostri sbagli e del vaso di terracotta della nostra fragile esistenza, fatta di relazioni unitive e separative, ci può fare sentire, senza merito nostro, la bellezza di: «amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza e dominio di sé» (Gl 5, 22-23a).
Certo, dobbiamo fare le nostre attività, dobbiamo agire tra mille impegni quotidiani di casa, lavoro, scuola, sport.
Ma la nostra attività, segnata dalla passività del silenzio, potrà diventare «testimonianza» della verità della signoria di Cristo risorto nella nostra vita e nel mondo.
Ciascuno di noi potrà dire con San Paolo: «Vivo, ma non più io, ma vive in me Cristo» (Gl 2,20a)
Si, perché il nostro agire di sempre sarà accompagnato dall’agire divino in noi, dallo «Spirito di verità» che ci permetterà di testimoniare in modo creativo la maniera di incarnare la verità del Vangelo di Cristo nelle situazioni della nostra vita e della nostra storia, belle e drammatiche.
Non sarà facile far prevalere la passività sull’attività, non sarà sempre scontata la nostra consegna all’iniziativa divina, la vita è una lotta in cui spesso «non facciamo quello che vogliamo» (Gl 5, 17b).
Ma la fedeltà dell’Amore di Dio, di fronte ai nostri dietro front è garanzia che lo Spirito Santo in noi è «Paraclito» cioè avvocato, difensore, consolatore. Non siamo mai soli, ma siamo felicemente e fedelmente accompagnati nelle sfide della vita e nella fatica di ricominciare dopo ogni nostra caduta.

DOMENICA DI PENTECOSTE ANNO Bultima modifica: 2018-05-19T21:19:22+02:00da teresinaurgese
Reposta per primo quest’articolo

12 risposte a “DOMENICA DI PENTECOSTE ANNO B

  1. Solo piccoli moti di serenità condurranno a una grande felicità. Una buona domenica radiosa ti porti tanta felicità e gioia nel cuore…MIK/**__^^ —https://it.pinterest.com/pin/425660602269795594/

  2. Un sorriso non costa niente e produce molto. Arricchisce chi lo riceve senza impoverire chi lo dà. Dura un istante solo ma talvolta il suo ricordo è eterno. —Mik augura un Venerdi carico di tanta felicità ^^__**/e **__** —https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcT2dAx6GZbiFxzn0yVuwp22QjTSXnV2QBVo10FX_eYcy2FALUkb

  3. Per essere contenti, abbiamo bisogno di cose semplici, che toccano il cuore, e tu, sei il dolce pensiero nella natura estiva. Un abbraccio al tuo cuore, semplicemente MIK/**__**—https://i.pinimg.com/originals/34/67/60/34676099b07cf772f0b89a2e02a6411d.jpg

  4. La Felicità non è fatta di promesse, ma di piccole attenzioni quotidiane che non dà per ricevere. Dal cuore un caro saluto per te Teresa…Buon Mercoledì…Mik

  5. “L’uso migliore della vita è di spenderla per qualcosa di più duraturo della vita stessa.”
    William James…Abbracci Affettuosi°_à Ci Rileggiamo Quando Torno°_°.

  6. Grazie carissima Dtbg lieta giornata in Cristo baci

  7. Ciao .Le grandi cose daranno anche la felicità, ma sono le piccole cose a dare la pace.(Antonio Curnetta) .Ti auguro una Bella Giornata che sia gioiosa con il tuo cuore sempre stracolmo
    d’amore.Ti abbraccio con affetto.Antonio..Clicca

  8. L’amore è un ingrediente segreto? Per questo i dolci delle nostre nonne non risultavano mai indigesti, ma sia ben chiaro che non c’è nessun dolce che accontenta il palato di un incontentabile. Dolce Martedì con abbracci e baci888i da mik. Smuacketeeeeeeeee

  9. Ciao Teresina,buon lunedì, che sia per te una splendida settimana ricca di cose belle ,un abbraccio..Laura CLICCA

  10. La vera amicizia è una pianta che cresce lentamente e deve passare attraverso i traumi delle avversità perché la si possa chiamare tale. Un saluto affettuoso ed un abbraccio coccoloso di buona domenica… MIK

  11. Serena domenica cara Teresina.Penso che molti già siano a mare a spassarsela.Buon pomeriggio per te e i tuoi cari da Divina.

  12. La Vita è come uno specchio…Ti sorride Se la guardi sorridendo e ti ama più di quanto ami te stesso. Un abbraccio di gioia per augurarti una domenica speciale e felice. ^^__** Mik — Un dono per Te:- https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTFB1pmtFA9xQFBEzXL_7pwPlTzoC4b7C_PTLgz0z-sU4at1fph

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.