2 febbraio Presentazione del Signore

2 febbraio Presentazione del Signore

IV Settimana del Tempo Ordinario A

I miei occhi hanno visto la tua salvezza.

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 2,22-40)
2 febbraio Presentazione del Signore, quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la Legge di Mosè, Maria e Giuseppe portarono il Bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore -come è scritto nella Legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore»- e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore. Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il Bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da Te davanti a tutti i popoli: luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele». Il Padre e la Madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di Lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua Madre, disse: «Ecco, Egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione -e anche a Te una spada trafiggerà l’anima-, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori». C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del Bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la Legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nazareth. Il Bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la Grazia di Dio era su di Lui. Parola del Signore.

Riflessionijavascript:void(0);

Oggi 2 febbraio Presentazione del Signore al Tempio ed è anche la Purificazione della Madonna, perché, secondo l’usanza ebraica, una donna era considerata impura del sangue mestruale per un periodo di 40 giorni dopo il parto di un maschio e doveva andare al Tempio per purificarsi: il 2 febbraio cade appunto 40 giorni dopo il 25 dicembre, giorno della nascita di Gesù.
Leggiamo cosa prescriveva la Legge ebraica, come viene riportato nel Libro del Levitico: “Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per 7 giorni; sarà immonda come nel tempo delle sue regole. L’ottavo giorno si circonciderà il bambino. Poi essa resterà ancora 33 giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione” (Levitico 12,2-4).
Il 2 febbraio la Chiesa celebra la presentazione al Tempio di Gesù, popolarmente chiamata festa della Candelora, perché in questo giorno si benedicono le candele, simbolo di Cristo “Luce per illuminare le genti”.
Con queste parole il Bambino Gesù venne chiamato dal vecchio Simeone al momento della Presentazione al Tempio di Gerusalemme, che era prescritta dalla Legge giudaica per i primogeniti maschi.
Nell’Itinerarium di Egeriae (cap. 26), la scrittrice romana del V secolo, viene descritta la denominazione di Candelora. Il nome dato alla festa deriva dalla somiglianza del rito del Lucernare, di cui appunto parla Egeria: “Si accendono tutte le lampade e i ceri, facendo così una luce grandissima” (Itinerarium 24,4).
La Presentazione di Gesù avviene in un clima di gioia con gli incontri di Simeone e della profetessa Anna, due anziani puri di cuore e ricchi di amore verso Dio. Ricevono l’ispirazione dello Spirito e rimangono davanti al Tempio ad attendere l’arrivo del Messia atteso da millenni dagli ebrei.
È un’attesa piena di speranza, per tutta la vita hanno osservato i Comandamenti e adesso ricevono un premio impagabile.
Gesù ricompensa sempre i buoni, dona molto di più ai suoi seguaci di quanto essi sacrificano nella vita per amore suo. I due anziani attendevano il Bambino per adorarlo.

Novena alla Madonna di Lourdes

(dal 2 al 10 febbraio)

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
Nostra Signora di Lourdes, Vergine Immacolata, prega per noi.
Nostra Signora di Lourdes, eccomi ai tuoi piedi per sollecitare questa Grazia.(Chiedere la Grazia)
La mia fiducia nel tuo potere d’intercessione è incrollabile.
Tutto tu puoi ottenere dal tuo divin Figlio.
Madre potentissima aiutami
O Vergine Immacolata,
Madre di Misericordia,
salute degli infermi,
rifugio dei peccatori,
consolatrice degli afflitti,
Tu conosci i miei bisogni e le mie sofferenze.
Degnati di volgere su di me uno sguardo propizio a mio sollievo e conforto.
Con l’apparire nella grotta di Lourdes hai voluto che essa divenisse un luogo privilegiato, da dove diffondere le tue Grazie, e già molti infelici vi hanno trovato il rimedio alle loro infermità spirituali e corporali.
(Chiedere la Grazia)
Anch’io vengo pieno di fiducia a implorare i tuoi materni favori;
esaudisci, o tenera Madre,
la mia umile preghiera e,
colmato dei tuoi benefici,
mi sforzerò di imitare le tue virtù,
per partecipare un giorno alla tua gloria in Paradiso. Amen.
3 Ave Maria
Nostra Signora di Lourdes, prega per noi.
Sia benedetta la Santa e Immacolata Concezione della Beatissima Vergine Maria, Madre di Dio.
Preghiera a Nostra Signora di Lourdes
Maria, Tu sei apparsa a Bernardetta nella fenditura di questa roccia.
Nel freddo e nel buio dell’inverno,
hai fatto sentire il calore di una presenza,
la luce e la bellezza.
Nelle ferite e nell’oscurità delle nostre vite,
nelle divisioni del mondo dove il male è potente,
porta speranza
e ridona fiducia!
Tu che sei l’Immacolata Concezione,
vieni in aiuto a noi peccatori.
Donaci l’umiltà della conversione,
il coraggio della penitenza.
Insegnaci a pregare per tutti gli uomini.
Guidaci alle sorgenti della vera Vita.
Fa di noi dei pellegrini in cammino dentro la tua Chiesa.
Sazia in noi la fame dell’Eucaristia,
il pane del cammino, il pane della Vita.
In Te, o Maria, lo Spirito Santo ha fatto grandi cose:
nella sua potenza, ti ha portato presso il Padre,
nella gloria del tuo Figlio, vivente in eterno.
Guarda con amore di Madre
le miserie del nostro corpo e del nostro cuore.
Splendi come Stella luminosa per tutti
nel momento della morte.
Con Bernardetta, noi ti preghiamo, o Maria,
con la semplicità dei bambini.
Metti nel nostro animo lo spirito delle Beatitudini.
Allora potremo, fin da quaggiù, conoscere la gioia del Regno
e cantare con te: Magnificat!
Gloria a te, o Vergine Maria,
Beata Serva del Signore,
Madre di Dio,
Tempio dello Spirito Santo! Amen!

2 febbraio Presentazione del Signoreultima modifica: 2017-02-02T13:16:02+00:00da teresinaurgese
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento